Home Fiscale e Tributario Autoimprenditorialità. Mutui a tasso zero

Autoimprenditorialità. Mutui a tasso zero

87
0

In arrivo il decreto che concede mutui a tasso agevolati per gli under35 e donne orientati verso nuove attività imprenditoriali

Premessa – Le agevolazioni previste per l’autoimprenditorialità fanno spazio a quelle previste per le “nuove imprese a tasso zero”. Infatti, è in arrivo un nuovo decreto (attualmente alla firma del ministro del MEF, Pier Carlo Padoan) che introduce un sostanziale aiuto per i giovani under35 e alle donne di qualsiasi età che intendono indirizzarsi verso nuove attività imprenditoriali. In pratica, esso consiste nella concessione di mutui agevolati (a tasso zero) per investimenti fino a 1,5 milioni di euro (per ogni singola impresa). La novità, in particolare, deriva dal decreto “destinazione Italia” (D.L. n. 145/2013) che all’articolo 10 prevede finanziamenti per le pmi a prevalente o totale partecipazione giovanile.
Campo di applicazione – La nuova agevolazione si estende su tutto il territorio nazionale, al contrario dell’autoimprenditorialità che era riservato al solo mezzogiorno e alla carta degli aiuti di stato a finalità regionale 2007/2013 e dal decreto del Ministero del Lavoro 14 marzo 1995.

Soggetti interessati – Il mutuo agevolato sarà concesso a tutte le nuove attività imprenditoriali: che abbiano forma societaria la cui compagine sia composta per oltre la metà da soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni ovvero donne (in quest’ultima caso senza limiti d’età); costituite da non più di sei mesi dalla data di presentazione della domanda; che abbiano la dimensione di micro o piccola impresa, cioè fino a un massimo di 15 dipendenti.

L’agevolazione
– La concessione dei mutui agevolati vanno restituiti al massimo entro 8 anni, sino al massimo 75% della spesa ammissibile. I finanziamenti riguardano iniziative imprenditoriali che prevedono investimenti non superiori a 1.500.000 euro relative alla produzione di beni nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione di prodotti agricoli ovvero la fornitura di servizi alle imprese, nonché le iniziative relativi a settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditore giovanile.

 

Rispondi