Home Finanza Autotrasportatori: acquisto di nuovi veicoli – Contributo dal Ministero per il rinnovo...

Autotrasportatori: acquisto di nuovi veicoli – Contributo dal Ministero per il rinnovo del parco mezzi

119
0

Con la pubblicazione in GU del D.M. 03/07/2014, il Min. Trasporti ha attivato un’agevolazione a favore del “rinnovo” del parco circolante nel settore del trasporto merci. Nello specifico, viene disciplinato un incentivo per l’acquisto di veicoli “nuovi” adibiti al trasporto delle merci e di semirimorchi per il trasporto combinato ferroviario. Per ogni tipologia di intervento previsto viene individuato un tetto massimo di spesa, il cui massimale spettante per ogni impresa è pari a € 500.000.

L’agevolazione – L’art. 1, comma 89, Finanziaria 2014 ha autorizzato, per il 2014 una spesa pari a € 330 milioni per interventi in favore del settore dell’autotrasporto, demandando per il relativo riparto a un successivo Decreto del Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti (MIT) emanato in concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF). Con il Decreto Interministeriale 20.5.2014, n. 224, sono quindi state ripartite le predette risorse a favore del settore dell’autotrasporto, in particolare destinando una quota (€ 15 milioni) a investimenti “finalizzati alla modernizzazione del parco veicolare in chiave maggiormente ecocompatibile, e all’apertura del settore verso forme più evolute di logistica applicata al trasporto e alla movimentazione delle merci”.

Ministero dei Trasporti – Il Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti (MIT) con il D.M. 3.7.2014, n. 307 (pubblicato sulla G.U. 19.9.2014, n. 218) ha dato attuazione alle disposizioni in esame disciplinando le modalità di fruizione della specifica agevolazione/contributo a favore delle imprese di autotrasporto merci per l’acquisto di veicoli nuovi “a basso impatto ambientale che utilizzino motori tecnologicamente innovativi conformemente agli orientamenti della stessa Commissione europea, anche attesa l’utilizzazione nelle aree urbane”.
Soggetti beneficiari – Possono beneficiare dell’agevolazione le imprese “di qualsiasi dimensione” esercenti attività di autotrasporto di merci attive sul territorio italiano comprese quelle “comunitarie aventi una sede secondaria in Italia” e iscritte regolarmente nel Registro elettronico nazionale (REN) e nell’Albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi. Per le imprese che utilizzano veicoli di massa complessiva a pieno carico inferiore a 1,5 t è sufficiente la sola iscrizione all’Albo. Sono quindi ammesse a richiedere il contributo in esame anche le imprese che svolgono l’attività di trasporto in conto terzi anche in via non esclusiva (imprese di logistica, spedizione o trasloco).
Spese agevolabili – Sono agevolabili le spese per l’acquisto, anche mediante leasing, di veicoli, a gas naturale/biometano, adibiti al trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico compresa tra 3,5 e 7 t; pari o superiore a 16 t. È agevolabile anche l’acquisto di semirimorchi per il trasporto combinato ferroviario (normativa UIC 596-5) e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave (normativa IMO). Non sono agevolabili i veicoli acquisiti all’estero ed ivi immatricolati “anche se successivamente reimmatricolati in Italia a chilometri zero”. L’acquisto deve essere effettuato tra il 19.9.2014 (data di entrata in vigore del D.M. in esame) e il 31.5.2015. Per i veicoli non dotati di omologazione al 19.9.2014 il termine di conclusione degli investimenti è il 30.11.2015. L’agevolazione arriva fino a un massimo di € 500.000 calcolato sull’ammontare complessivo degli investimenti effettuati. È espressamente previsto che i veicoli agevolati non siano ceduti fino al 31.12.2017 e rimangano comunque “nella disponibilità del beneficiario del contributo”.

Ammontare del contributo –
Il contributo è modulato in base alla tipologia di veicolo acquistato per cui con riguardo ai: veicoli di massa complessiva a pieno carico da 3,5 a 7 t è pari a € 2.400 (calcolato nella misura di circa il 40% del valore del sovra-costo rispetto alla produzione di veicoli diesel); veicoli di massa complessiva a pari o superiore a 16 t è pari a € 9.200 (calcolato nella misura di circa il 40% del valore del sovra-costo rispetto alla produzione di veicoli diesel); semirimorchi è determinato al 20% dell’intero costo di acquisizione, con un tetto massimo pari a € 4.500.
Presentazione della domanda – La domanda in esame va presentata ad avvenuto avvio dell’investimento dal 19.9 al 30.11.2014 utilizzando “esclusivamente” il modulo allegato al citato D.M. ovvero disponibile in formato word sul sito Internet www.mit.gov.it, sezione autotrasporto/contributi ed incentivi oppure a mezzo raccomandata A/R o consegna a mano.

Rispondi