Home Finanza BANDO CREATIVITA’ E COMMERCIO – CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO – UNION CAMERE...

BANDO CREATIVITA’ E COMMERCIO – CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO – UNION CAMERE LOMBARDIA

90
0

La Regione Lombardia e Union Camere Lombardia intendono promuovere l’attrattività e la competitività del comparto degli esercizi pubblici e commerciali attraverso una misura di intervento volta alla realizzazione di vetrine e spazi espositivi creativi sotto forma di contributo a fondo perduto che finanzi le spese necessarie alla realizzazione degli interventi.

Soggetti Beneficiari

Imprese e reti d’impresa rientrati nei parametri giuridici dei distretti urbani del commercio:
a) micro, piccola o media impresa con riferimento alla Raccomandazione 361/CE del 6 maggio 2003 (GUUE L 124 del 20 maggio 2003) recepita con Decreto Ministeriale del 18 maggio 2005 (GURI n. 238 del 18 ottobre 2005);
b) essere iscritte e attive al Registro Imprese della Camera di Commercio competente;
c) essere in regola con il pagamento del diritto camerale annuale;
d) avere assolto gli obblighi contributivi ai fini INPS/INAIL;
e) non trovarsi in nessuna delle situazioni ostative relative agli aiuti di Stato dichiarati incompatibili dalla Commissione europea;
f) non trovarsi in procedure concorsuali ai sensi del diritto fallimentare interno;
g) avere legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza) e soci per i quali non sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione previste dall’articolo10 L. 575/1965 (c.d. Disposizioni contro la mafia);
h) svolgere un’attività classificata con i codici ATECO 2007 (si fa riferimento al codice ATECO -attività principale indicata in visura camerale/Registro delle imprese) di cui alle divisioni all’appendice 1 del seguente bando.
I codici di attività ATECO 2007 che verranno considerati sono quelli risultanti dalla visura camerale al giorno della pubblicazione del bando. Ogni modifica successiva non verrà presa in considerazione.

Le imprese che detengono, a qualsiasi titolo, apparecchi per il gioco d’azzardo lecito, per accedere al contributo, devono impegnarsi formalmente a rimuovere, alla scadenza del contratto di installazione stipulato con il concessionario, gli apparecchi per il gioco d’azzardo lecito eventualmente detenuti a qualsiasi titolo e non possono procedere con nuove installazione dalla data di presentazione della domanda di finanziamento e per i successivi tre anni dall’erogazione del contributo.

Investimenti Ammissibili

– differenziare, ampliare o meglio valorizzare l’attività merceologica core del punto vendita;
– migliorare la disposizione della merce, cioè l’organizzazione espositiva dei prodotti, in modo da attirare il cliente e agevolare il processo d’acquisto;
– ottimizzare gli spazi, renderli più fruibili e funzionali e creare un ambiente accogliente ed emotivamente gradevole in sintonia con le scelte del format o della strategia commerciale.

A tal fine possono essere utilizzati:
– allestimenti, sistemi espositivi, arredi, sistemi di illuminazione, grafica;
– vetrinistica innovativa e creativa;
– lay out creativi del negozio interni ed esterni;
– interventi di visual merchandising.

I progetti ammessi dovranno essere avviati entro e non oltre 60 giorni dalla data di assegnazione del contributo e ultimati entro 12 mesi dalla medesima data

Tutte le vetrine e gli spazi espositivi finanziati e i relativi materiali/prodotti di comunicazione dovranno riportare, pena la decadenza dal contributo:
– a dicitura “iniziativa realizzata con il contributo di Regione Lombardia”
– il logo dell’Ente regionale
– il logo di Unioncamere Lombardia
– secondo modalità che saranno comunicate in fase di assegnazione del contributo.

Spese Ammissibili

A.1) acquisto e/o noleggio di prodotti per allestimento delle vetrine e degli spazi espositivi(sistemi di arredo, scaffali, stender, espositori, elementi di arredo e illuminazione, supporti espositivi, vetrinette, oggetti, ecc…);
A.2) spese di adeguamento delle vetrine e/o dei luoghi in cui saranno rea-lizzati gli spazi espositivi(es. impiantistica, illuminazione, ecc…);
A.3) spese per l’acquisto di servizi e consulenze finalizzate alla realizzazione delle vetrine e/o degli spazi espositivi(es. visual merchandising, ecc…);
A.4) spese per la promozione, comunicazione e pubblicità dell’iniziativa e dei prodotti esposti (materiale di comunicazione cartacei e digitali quali cataloghi, depliant, volantini, bigliettini, cartoline; eventi di inaugurazione o altre occasioni di animazione nel punto vendita; acquisto spazi pubblicitari);
A.5) acquisto e/o noleggio di hardware e software esclusivamente funziona-le alla realizzazione del progetto(es. schermi, vetrine interattive. In caso di acquisto di beni previsti dalle categorie di spesa A.1)e A.5)l’impresa si impegna a mantenere gli stessi all’interno del negozio per un per un periodo non inferiore a 2 anni dalla data di erogazione del contributo.

Agevolazione
L’importo del contributo è differenziato a seconda del numero dei punti vendita interessati
Ogni azienda può richiedere un solo contributo scegliendo tra la tipologia 1 o 2. L’importo del contributo è al lordo della ritenuta d’acconto di legge del 4% e verrà erogato a saldo in un’unica soluzione.

Note
Le domande devono essere presentate dalle ore 12.00 del 4 marzo 2015 fino al momento in cui risulteranno esaurite le risorse stanziate (comprensive di quelle previste per la lista d’attesa) e, comunque, entro e non oltre le ore 12.00del 24 marzo 2015.

Rispondi