Home Fiscale e Tributario Versamento della tassa vidimazione libri sociali 2015

Versamento della tassa vidimazione libri sociali 2015

Il dpr n.641/72 (art.23 nota 3) obbliga le società di capitali (S.p.a., S.r.l., S.a.p.a., comprese quelle consortili anche se in liquidazione), al versamento della tassa annuale di vidimazione dei libri sociali. Per l’anno 2015 il versamento va effettuato da tali società entro il 16.3 e l’importo dovuto, determinato in misura forfetaria all’ammontare del capitale sociale esistente all’1.1.2015, è pari ad Euro 309,87, se l’ammontare del capitale sociale o del fondo di dotazione non supera l’importo di Euro 516.456,90 e ad Euro 516,46, se il capitale sociale o il fondo di dotazione supera tale importo.ero di registri tenuti e dalle relative pagine e andrà versata entro il 16.3.

Omesso o ritardato pagamento

In caso di omesso o ritardato versamento della tassa annuale, è prevista una sanzione pecuniaria che va dal 100% al 200% dell’importo dovuto e, in ogni caso non inferiore a 103 euro (art. 9 del DPR n. 641/1972) e una sanzione “indiretta”: il mancato pagamento della tassa determina l’inefficacia dei libri per i quali è dovuta (art. 8 del DPR n. 641/1972) con pesanti conseguenze in caso di accertamenti fiscali o di cause civili. E’ possibile regolarizzare la violazione tramite l’istituto del ravvedimento operoso. Trattandosi di un tributo amministrato dall’Agenzia delle Entrate è ravvedibile ancorché la violazione sia stata constatata e siano iniziati accessi, ispezioni o verifiche. Non è sanabile qualora sia stato notificato atto accertativo, liquidatorio o cartella di pagamento o avviso di irrogazione di sanzioni ; mentre lo è qualora sia stato notificato avviso bonario che non concerne la tassa in discorso (art. 13, comma 1-ter, D.Lgs. n. 472/97 e C.M. 19.2.2015 n. 6/E, paragrafi 10.4 e 10.5).

1 commento

Rispondi