Home Finanza Comune di Roma: immobili per imprese giovanili e attività culturali

Comune di Roma: immobili per imprese giovanili e attività culturali

259
0

Il Comune di Roma assegna 20 immobili per imprese giovanili e attività culturali: i bandi e le scadenze.

Il Comune di Roma mette a disposizione 20 immobili per le imprese giovanili e le attività culturali locali, al fine di rivitalizzare il tessuto economico e culturale della città. Attraverso due bandi, il Campidoglio concede gli immobili appartenenti al patrimonio pubblico – situati in centro e in periferie – per 6 anni rinnovabili, in attuazione della Delibera G.C. n. 219/14.

I bandi

Sono previsti due bandi, precisamente riferiti all’assegnazione di locali per lo sviluppo della nuova imprenditoria giovanile e per la diffusione di attività di produzione culturale.

Domande

Le richieste devono pervenire entro il 12 giugno 2015 e saranno poi vagliate da una commissione composta da dirigenti e funzionari dei Dipartimenti coinvolti. In funzione del rilievo delle attività culturali proposte, inoltre, il canone potrà subire un abbattimento fino all’80% rispetto al valore di mercato.

Informazioni

Tutte le informazioni sulle modalità di accesso sono contenute all’interno bando per le imprese giovanili e per le attività culturali, scaricabili dal portale Web del Comune di Roma.


 

IMPRESE GIOVANILI

Il bando prevede l’assegnazione di 14 locali di proprietà di Roma Capitale, localizzati sia in centro che in aree periferiche, per lo sviluppo di progetti imprenditoriali innovativi promossi da giovani. Potranno concorrere all’assegnazione micro e piccole imprese e cooperative, già costituite o da costituire, e lavoratori autonomi che si propongano di sviluppare un’iniziativa economica e incrementare l’occupazione, con un punteggio preferenziale per i giovani al di sotto di 40 anni di età e per una serie di attività che si ritengono maggiormente in grado di riqualificare il tessuto economico cittadino:
– attività di coworking e incubatori d’impresa;
– attività di produzione cinematografica, video, programmi televisivi, registrazioni musicali;
– ICT, produzione di software, consulenza e altri servizi informatici;
– attività specializzate di grafica, design e progettazione;
– editoria e commercio librario;
– attività di servizio al turismo, tour operator e servizi connessi;
– ricerca e lavorazione di materiali avanzati;
– servizi e attività concernenti le energie rinnovabili e il risparmio energetico;
– servizi e attività concernenti il riuso e il riciclaggio dei materiali e la tutela dell’ambiente;
– attività di artigianato artistico e creativo;
– attività di produzione artigianale e commercio di prodotti agroalimentari tipici e di qualità.

IL LINK AL SITO DEL COMUNE


ATTIVITA’ CULTURALI

Il bando prevede l’assegnazione di 6 immobili di proprietà di Roma Capitale, anch’essi localizzati sia in aree centrali che in periferia, per la realizzazione di attività culturali finalizzate a promuovere la produzione culturale diffusa e la rigenerazione del tessuto sociale della città. Potranno concorrere in questo caso all’assegnazione enti morali, associazioni, fondazioni, organizzazioni di volontariato, onlus o altre analoghe fattispecie giuridiche senza scopo di lucro, sia già costituite che da costituire, che si propongano di svolgere prevalentemente attività nei settori della produzione e diffusione culturale, artistica e del tempo libero, dell’educazione e formazione, della valorizzazione e promozione del territorio, della promozione della partecipazione ai processi decisionali di quartiere. Il progetto da presentare per concorrere dovrà illustrare il piano triennale delle attività, il target dei destinatari individuato, le modalità di utilizzo e di apertura degli spazi assegnati, le iniziative rivolte al coinvolgimento del territorio ed a sviluppare sinergie con altre realtà associative, le modalità di comunicazione e pubblicizzazione delle iniziative proposte, l’indicazione dei finanziamenti propri, provenienti da altri soggetti o da sponsor che si intendono mettere in campo per la realizzazione del progetto e la ristrutturazione, laddove necessario, dell’unità immobiliare richiesta.

LINK AL SITO DEL COMUNE

Rispondi