Home Fiscale e Tributario Agricoltura AGEVOLAZIONI PER L’INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

AGEVOLAZIONI PER L’INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

Al fine di favorire il ricambio generazionale in agricoltura mediante l’inserimento di giovani nella conduzione di imprese agricole competitive, l’ISMEA mette a disposizione dei fondi, sotto forma di leasing, dell’importo da un minimo di 200.000,00 euro ed un massimo di 2.000.000,00 di euro, finalizzato all’acquisto di un azienda agricola, da restituire in 15/30 anni.

Il premio di insediamento, che consiste in un abbattimento delle rate in conto interessi, viene concesso in due tranches nell’arco di un periodo massimo di cinque anni. L’intensità dell’aiuto è calcolata sulla base del tasso di riferimento fissato periodicamente dalla Commissione europea per le operazioni di attualizzazione, vigente al momento della concessione del sostegno. In ogni caso, l’ammontare massimo dell’aiuto non può essere superiore alla somma di 70.000 euro in conformità a quanto disposto dall’articolo 18, paragrafo 7, del regolamento n. 702/2014.

 AMBITO TERRITORIALE

Le misure incentivanti sono applicabili su tutto il territorio nazionale nel rispetto di quanto previsto dalla normativa europea in materia di aiuti di Stato nel settore agricolo.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono beneficiare delle agevolazioni i giovani agricoltori, anche organizzati in forma societaria, che intendono insediarsi per la prima volta in una impresa agricola in qualità di capo azienda e che presentino un piano aziendale per lo sviluppo dell’attività agricola articolato su un periodo di almeno 5 anni che dimostri la sostenibilità economica e finanziaria dell’operazione. Sono esclusi dalle agevolazioni i giovani che si insediano in aziende create dal frazionamento di aziende esistenti. Gli aiuti sono limitati alle piccole e micro imprese, ai sensi dell’Allegato I del regolamento n. 702/2014.

REQUISITI

Per usufruire delle agevolazioni, il titolare, se ditta individuale, o la maggioranza assoluta e numerica e delle quote di partecipazione dei soci, in caso di società (di persone, di capitali o cooperative, anche a scopo consortile), deve possedere i seguenti requisiti:

  1. età compresa tra i 18 ed i 39 anni al momento di spedizione della domanda;
  2. esercizio dell’attività agricola nei territori di cui all’art. 3 del presente provvedimento.

L’insediamento deve avvenire dopo la presentazione della domanda ed è perfezionato nel momento in cui il giovane agricoltore soddisfi tutti i requisiti di seguito riportati:

  • iscrizione al regime previdenziale agricolo;
  • apertura di una posizione/attività IVA;
  • iscrizione alla CCIAA nell’apposita sezione riservata alle imprese agricole;
  • assunzione della responsabilità civile e fiscale della gestione dell’azienda agricola.

Il beneficiario si impegnerà a condurre l’azienda per un periodo minimo di cinque anni a decorrere dall’insediamento, salvo cause di forza maggiore.

La domanda

Per ottenere le agevolazioni è necessario presentare domanda redatta in conformità alla modulistica che ISMEA mette a disposizione sul proprio sito internet. La valutazione delle domande pervenute prevede la verifica della sussistenza dei requisiti soggettivi e oggettivi; della validità tecnica, economica e finanziaria dell’iniziativa proposta. In caso di esito positivo della valutazione della domanda, viene deliberata l’ammissione alle agevolazioni e si procede con il beneficiario alla stipula del contratto di leasing che disciplina i termini e le condizioni per l’attuazione dell’iniziativa agevolata sulla base della normativa vigente. I premi previsti dal presente regolamento possono essere cumulati con altri contributi provenienti da fonti di finanziamento nel rispetto dei massimali previsti all’art 18 del Regolamento (UE) n. 702/2014.

Rispondi