Home Finanza BANDO PER LA RIQUALIFICAZIONE E LO SVILUPPO DELL'OFFERTA TURISTICA E RICETTIVA DEL...

BANDO PER LA RIQUALIFICAZIONE E LO SVILUPPO DELL'OFFERTA TURISTICA E RICETTIVA DEL TERRITORIO COSENTINO

99
0

 

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Cosenza intende supportare le imprese (ivi comprese Cooperative, Consorzi e Associazioni purché iscritte al Registro Imprese) che operano sul territorio provinciale nel settore dell’accoglienza turistica, ovvero dei predetti soggetti che svolgono l’attività ricettiva, di ristorazione, di balneazione e tutte quelle attività di servizi funzionali al miglioramento della qualità dell’offerta turistica e della fruizione del territorio, ovvero del patrimonio artistico-culturale e delle strutture di intrattenimento ludico-sportive.

A tale scopo viene stanziato un fondo di EURO 480.000 alla concessione di contributi a fondo perduto alle predette imprese che intendono realizzare/adeguare/potenziare le loro strutture al fine di migliorare/innovare l’offerta turistica, tramite investimenti strutturali, in beni materiali e in nuove tecnologie, in un’ottica di marketing territoriale e di innalzamento dell’attrattività del territorio cosentino.

BENEFICIARI
Possono beneficiare dei contributi esclusivamente:

1) le micro, piccole e medie imprese (come definite ai sensi della Raccomandazione della Commissione 2003/361/CE del 6.5.2003 s.m.i.) che risultino attive al Registro delle Imprese, ovvero con attività principale rientrante in una delle seguenti classificazioni :

Attività ammesse ai benefici del contributo
H 49 493 4931 Trasporto terrestre di passeggeri in aree urbane e suburbane
H 49 493 4932 Trasporto con taxi, noleggio di autovetture con conducente
H 49 493 4939 Altri trasporti terrestri di passeggeri nca
H 50 501 Trasporto marittimo e costiero di passeggeri
H 50 503 Trasporto di passeggeri per vie acque interne (inclusi i trasporti lagunari)
H 52 tutte tutte Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti
I 55 tutte tutte Alloggio
I 56 tutte tutte Attività dei servizi di ristorazione
N 77 771 7711 Noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri
N 77 772 7721 Noleggio di Attrezzature sportive e ricreative
N 77 773 7734 Noleggio di mezzi di trasporto marittimo e fluviale
N 77 773 7735 Noleggio di mezzi di trasporto aereo
N 79 tutte tutte Attività dei servizi delle agenzie di viaggio e dei tour operator
R 90 tutte tutte Attività creative, artistiche e di intrattenimento
R 91 tutte tutte Attività di Biblioteche, Archivi, Musei ed altre attività culturali
R 93 tutte tutte Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento
S 96 9604 Servizi dei centri per il benessere fisico

2) di essere iscritte al Registro delle Imprese di Cosenza e di avere effettuato la denuncia di inizio attività;

3) siano in regola, e nell’esatta misura, con il pagamento del diritto annuale camerale, con le modalità e secondo le disposizioni normative vigenti. In caso di riscontro, in data posteriore alla presentazione on line della domanda di contributo ed in fase istruttoria della non regolarità del diritto annuale camerale, sarà ammessa la regolarizzazione entro i termini indicati dal Responsabile del Procedimento mediante apposita comunicazione;

4) siano in regola con i contributi dovuti agli Enti previdenziali. In caso di riscontro, in data posteriore alla presentazione on line della domanda di contributo ed in fase istruttoria della non regolarità dei contributi agli enti previdenziali (DURC) l’impresa sarà esclusa dai benefici previsti dal bando;

5) che esercitino l’attività economica per la quale si richiedono i benefici (classificata con uno dei codici ATECO 2007 di cui al presente paragrafo comma 1 tabella A) nella sede o nell’unità locale iscritta nel Registro imprese di Cosenza;

6) non siano soggette ad amministrazione controllata, a concordato preventivo o a fallimento, liquidazione coatta amministrativa o volontaria;

7) rispettino il Regolamento (UE) n. 1407 della Commissione del 18.12.2013 (Regime De Minimis),vigente fino al 3.12.2020, e rientrino nei criteri comunitari di definizione di micro e PMI, in vigore al momento della concessione;

8) di non richiedere o aver richiesto i benefici per le medesime spese a valere su altri Bandi a livello Locale, Nazionale e Comunitario;

9) rispettino i criteri sopraelencati sia al momento della presentazione della domanda che durante l’intero periodo di validità del bando.

INVESTIMENTI FINANZIABILI

I contributi sono concessi per finanziare gli investimenti già realizzati e pagati a partire dal 01.01.2015 (fino alla presentazione della Domanda), e finalizzati:

1. alla realizzazione ex novo o alla riqualificazione di strutture turistico–ricettive esistenti ed in esercizio, mediante opere edilizie (tipologia di investimento finanziabile solo per i settori Ateco I ed R);

2. al risparmio e al conseguimento dell’efficienza energetica, anche attraverso il ricorso a sistemi di energia rinnovabile non esauribile (tutti i settori della Tabella A) , ovvero:

2.1 Attrezzature per la produzione di energia da fonti rinnovabili: Impianti fotovoltaici di generazione di energia, con superfici non inferiori a 16 mq. o, alternativamente, con produzione nominale di energia non inferiore a 2 kW; impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e/o integrazione con l’impianto di riscaldamento e/o integrazione al fabbisogno termico dei processi produttivi, impianti solari termici, impianti di raffreddamento/ condizionamento basati sull’energia solare (Solar cooling), impianti geotermici a bassa entalpia;

2.2 Attrezzature per interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica e gestione energetica:

interventi per l’efficienza energetica degli impianti (acquisto di impianti, beni e strumenti che consentano la riduzione puntuale dei consumi e il conseguimento di più alti rendimenti energetici per la climatizzazione degli ambienti, come ad es. pompe di calore ad assorbimento a gas; caldaie centralizzate o a condensazione; impianti di cogenerazione e trigenerazione ad alto rendimento, cappe di aspirazione dei fumi ad uso professionale e a basso consumo energetico, raffrescatori/raffreddatori evaporativi portatili o fissi che non richiedono l’utilizzo di fluidi refrigeranti;

sistemi di monitoraggio dell’efficienza energetica quali telecontrollo, sistemi di contabilizzazione energetica, ecc.); interventi per l’efficienza energetica dei sistemi per l’illuminazione (apparecchi ad alta efficienza, ecc.); sistemi di illuminazione esterna che non generano inquinamento luminoso ad esempio mediante l’utilizzo di lampade al sodio in alta pressione; impianti a sensore di presenza a spegnimento automatico;

3. alla progettazione degli interventi di cui ai punti 1 e 2: Il valore di tale spesa non può superare il 10% del costo dell’intervento progettato (tipologia di investimento finanziabile solo per i settori Ateco I ed R se riferita a spese della tipologia 1, finanziabile per Tutti i settori della tabella A se la progettazione è riferita alle spese per investimenti della tipologia 2);

4. all’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature varie ed arredi, ivi compresi hardware e strumentazione tecnologica, purché nuovi di fabbrica ed in coerenza con le esigenze produttive e gestionali dell’impresa (tutti i settori della Tabella A);

5. all’acquisto di software, ivi compreso le spese sostenute per la realizzazione di siti web, app specifiche per smartphone e qualsiasi strumento di smart mobility, purché in coerenza con le esigenze produttive e gestionali dell’impresa (tutti i settori della Tabella A);

6. Spese sostenute per campagne pubblicitarie/promozione di eventi: il valore massimo del contributo per questa voce di spesa è pari a € 4.000,00 e contempla acquisti di spazio pubblicitario su quotidiani, testate televisive e spazi web, spese per la realizzazione di brochure, locandine, banner o altro materiale promozionale dell’impresa (tutti i settori della Tabella A).

7. Spese sostenute per l’acquisto di professionalità del settore turistico : fanno parte di tali spese quelle inerenti l’erogazione di servizi di animazione turistica, di guida turistica, di sommelier, di bagnino o altre professionalità utilizzate stagionalmente, dalle strutture turistico/ricettive. Il valore massimo del contributo per questa voce di spesa è pari a € 6.000,00. (Tipologia di investimento finanziabile solo per i settori Ateco I, R ed S)

Per le predette tipologie di spese sono ammesse solo ed esclusivamente le seguenti modalità di fornitura:

7.1 Acquisto in service : ovvero la struttura ricettiva (albergo, villaggio, lido, ristorante) si rivolge a terzi (es. Tour operator, agenzie, ) per il reperimento delle professionalità (in questo caso deve esserci un contratto di fornitura tra l’impresa richiedente il contributo ed il fornitore);

7.2 Selezione e contrattualizzazione in proprio della/e professionalità: in questo caso il rapporto di tipo contrattuale deve essere di nuova stipula (anno 2015), a tempo determinato (o a progetto) ed abbia una durata che non superi il 31/12/2015. L’inquadramento (centro per l’impiego, eventuale assicurazione INAIL, ecc) deve essere coerente con la mansione contrattualizzata, e l’impresa deve fornire evidenza del/i titolo/i abilitativi richiesti in fase di selezione delle professionalità.

Il contributo concesso a fondo perduto copre il 50% delle spese effettivamente sostenute ed ammissibili – al netto di I.V.A. – fino ad un massimo di 12.000 euro.

Gli investimenti finanziabili, elencati nelle misure sopra descritte, devono essere realizzati (e pagati in misura completa) presso la sede legale e/o operativa della provincia di Cosenza, dove si esercita l’attività.

E` ammesso esclusivamente l’acquisto di beni nuovi di fabbrica, che dovranno essere funzionanti presso la sede operativa individuata dal richiedente, ubicata in provincia di Cosenza, dove si svolge l’attività.

Il bando non finanzia riparazioni (a meno che non si tratti degli interventi di riqualificazione di cui al punto1). Non sono ammessi investimenti in leasing. Non sono ammesse a contributo spese di gestione, di consulenze (con la sola eccezione delle spese indicate al p. n. 3), spese di installazione, manutenzione, noleggio, materiali non durevoli e di consumo. E` ammessa da parte della medesima impresa la presentazione di una sola richiesta di contributo, articolata nelle varie misure previste dal bando.

ENTITA’ DEL CONTRIBUTO

I contributi a fondo perduto sono determinati nel limite del 50% delle spese ammissibili (paragrafo 4 del presente bando) relative agli investimenti finanziabili – fino all’importo massimo di € 12.000 al netto dell’ I.V.A. ed al lordo della ritenuta d’acconto del 4%.

L’ investimento minimo ammissibile è di EURO 4.000 (al netto dell’iva).

I contributi non sono cumulabili con altre forme di beneficio (contributi, sovvenzioni, sgravi fiscali) dello Stato o di altri enti pubblici per la medesima iniziativa, ovvero non sono rendicontabili spese sostenute e rendicontate su altri bandi anche se con finalità diverse dal presente.

procedura relativa alla domanda di contributo.

PERIODO DI VALIDITA’ E TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

I termini di presentazione delle istanze di contributo decorrono dalle ore 09.00 del 22 /07/ 2015 alle ore 12.00 del 12/ 09/ 2015.

Tuttavia l’Ente Camerale si riserva di chiudere anticipatamente il Bando nel caso in cui per numero di Domande pervenute si giunga all’esaurimento del Fondo stanziato.

Rispondi