Home Fiscale e Tributario Artigiani e commercianti: le aliquote contributive 2016

Artigiani e commercianti: le aliquote contributive 2016

107
0

Le aliquote contributive, dovute per l’anno 2016, dagli “Artigiani ed Esercenti attività commerciali” ammontano:

  • al 23,10% per gli artigiani;
  • al 23,19% per i commercianti.

Ricordiamo, che sin dall’anno 2013, l’INPS non invia più le comunicazioni contenenti i dati e gli importi utili per il pagamento della contribuzione dovuta, in quanto le medesime informazioni possono essere prelevate, dal contribuente o da un suo delegato, tramite l’opzione contenuta nel Cassetto previdenziale per artigiani e commercianti “Dati del mod. F24”.

Il reddito minimo annuo da prendere in considerazione, per quest’anno, ai fini del calcolo del contributo IVS, dovuto dagli Artigiani e dagli Esercenti attività commerciali è pari a € 15.548.

Le aliquote contributive, invece, da applicare per le scadenze che interessano l’anno in corso sono i seguenti:

Artigiani Commercianti (*)
Titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori maggiori di 21 anni. 23,10% 23,19%
Coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni (**). 20,10% 20,19%

(*) Gli “Esercenti attività commerciali” dovranno corrispondere anche lo 0,9% (fino al 31/12/2018) destinato al finanziamento dell’indennizzo per la cessazione dell’attività.

(**) La riduzione contributiva al 19,65% (artigiani) e 19,74% (commercianti) è applicabile fino a tutto il mese in cui il collaboratore interessato compie i 21 anni.

Per i soggetti con un’età anagrafica superiore a 65 anni – già pensionati presso la gestione artigiani e commercianti dell’INPS – è riconosciuta una riduzione del 50% dei contributi dovuti dagli artigiani e dagli esercenti attività commerciali.

Alla luce delle suddette aliquote contributive, il contributo minimale dovuto, per l’anno 2016, risulta così stabilito:La contribuzione IVS sul minimale di reddito

Artigiani Commercianti
Titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori maggiori di 21 anni € 3.599,03
(€ 3.613,59 IVS + € 7,44 maternità)
€ 3.613,02
(€ 3.3.605,58 IVS + € 7,44 maternità)
Coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni € 3.132,59
(€ 3.125,15 IVS + € 7,44 maternità)
€ 3.3.146,58
(€ 3.139,14 IVS + € 7,44 maternità)

Per periodi di attività inferiori all’anno solare, il contributo sul “minimale” andrà rapportato a mesi, come appresso:

Artigiani Commercianti
Titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori maggiori di 21 anni € 299,92
(€ 299,30 IVS + € 0,62 maternità)
€ 301,09
(€ 300,47 IVS + € 0,62 maternità)
Coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni € 261,05
(€ 260,43 IVS + € 0,62 maternità)
€ 262,22
(€ 262,22 IVS + € 0,62 maternità)

 

La contribuzione IVS eccedente il minimale

Qualora il lavoratore autonomo percepisca un reddito che eccede il limite della prima fascia di retribuzione annua pensionabile, che per il 2016 è pari a € 46.123, bisognerà applicare un altro punto percentuale, come specificato di seguito.

Scaglione di reddito Artigiani Commercianti
Titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori maggiori di 21 anni Fino ad € 46.123 23,10% 23,19%
Da € 46.123,01 ad € 76.872 24,10% 24,19%
Coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni Fino ad € 46.123 20,10% 20,19%
Da € 46.123,01 ad € 76.872 21,10% 21,19%

Il reddito annuo massimo

Per il 2015, il massimale di reddito annuo oltre il quale decade l’onere contributivo è pari ad 76.872. Tale limite è valido solamente per i soggetti iscritti all’INPS con decorrenza anteriore al 1° gennaio 1996, o che siano titolari di un’anzianità contributiva a tale data. Viceversa, per chi si è iscritto dopo il 1° gennaio 1996, il massimale annuo aumenta fino ad € 100.324, non frazionabile mensilmente.

Alla luce di quanto esposto, l’onere previdenziale massimo per le categorie in commento, sarà così definito:

Lavoratori con anzianità contributiva al 31 dicembre 1995
Artigiani Commercianti
Titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori maggiori di 21 anni € 18.064,92 (*) € 18.134,10 (***)
Coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni € 15.758,76 (**) € 15.827,94 (****)
(*) L’importo è dato da [(€ 46.123 * 23,10%) + (€ 30.749 * 24,10%)].
(**) L’importo è dato da [(€ 46.123 * 20,10%) + (€ 30.749 * 21,10%)].
(***) L’importo è dato da [(€ 46.123 * 23,19%) + (€ 30.749 * 24,19%)].
(****) L’importo è dato da [(€ 46.123 * 20,19%) + (€ 30.749 * 21,19%)].

 

Lavoratori con anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, iscritti con decorrenza gennaio 1996 o successiva
Artigiani Commercianti
Titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori maggiori di 21 anni € 23.716,85 (*) € 23.807,14 (***)
Coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni € 20.707,13 (**) € 20.797,42 (****)
(*) L’importo è dato da [(€ 46.123 * 23,10%) + (€ 54.201 * 24,10%)].
(**) L’importo è dato da [(€ 46.123 * 20,10%) + (€ 54.201 * 21,10%)].
(***) L’importo è dato da [(€ 46.123 * 23,19%) + (€ 54.201 * 24,19%)].
(****) L’importo è dato da [(€ 46.123 * 20,19%) + (€ 54.201 * 21,19%)].

 

Termini e modalità di versamento

I contributi dovuti sul minimale vanno versati trimestralmente mediante modello F24, secondo le seguenti scadenze:

 
 
Le scadenze 2016
 
 
 
16 febbraio 2016 (quarta rata contributi Inps 2015)
16 maggio
22 agosto
16 novembre
16 febbraio 2017 (quarta rata contributi Inps 2016)

 
I contributi dovuti sull’eccedenza (acconto e saldo), invece, seguono l’iter di versamenti delle imposte dirette.
 

Rispondi