Home Fiscale e Tributario Agricoltura PRESENTATI I BANDI DEL PSR CALABRIA 2014/2020

PRESENTATI I BANDI DEL PSR CALABRIA 2014/2020

146
0

Da poco inaugurati dal Presidente della Regione Mario Oliverio e già in scadenza i bandi delle Misure a Superficie e del Benessere Animale del PSR Calabria 2014/2020, che per tutto il periodo di programmazione prevedono uno stanziamento pari ad oltre 300 milioni di euro.

Le domande potranno essere presentate anche dopo la scadenza, con un ritardo massimo di 25 giorni, in tal caso, l’importo viene decurtato dell’1% per ogni giorno lavorativo di ritardo.

OBIETTIVI

Le finalità devono essere quelle di  creare sviluppo, crescita, opportunità di lavoro, elevare la qualità della vita dei calabresi e far compiere il salto di qualità alle produzioni e ai territori.

OGGETTO DEL BANDO

Il Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari, nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 ed in coerenza con le previsioni contenute nel Programma stesso e nelle singole Schede di Misura ed intervento, rende note le modalità di ammissione delle domande di aiuto intese a promuovere l’utilizzo sostenibile dei terreni agricoli e forestali dell’ambiente e dello spazio rurale ed a valere sulle risorse previste per le seguenti Misure/Interventi:

  • Misura 10 “Pagamenti Agro-Climatici-ambientali”;
  • Misura 11 “Agricoltura biologica”;
  • Misura 13 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici”;
  • Misura 14 “Benessere degli animali”

DISPOSIZIONI PER MISURA/INTERVENTO

Per la pratica attuazione del presente bando si rinvia alle “Disposizioni attuative” relative ai requisiti di ammissibilità e criteri di selezione (laddove pertinenti) per Misura/Intervento nonché alle “Disposizioni Procedurali” esplicative delle modalità di presentazione delle domande, allegate, unitamente alla documentazione a corredo, al decreto di pubblicazione del presente avviso pubblico. La cartografia tematica necessaria per la definizioni delle condizioni di ammissibilità e/o per la definizione dei criteri di selezione è resa disponibile per la consultazione sul sito www.calabriapsr.it. La stampa che conferma la localizzazione dell’azienda rispetto alla cartografia tematica pertinente, dovrà essere allegata al fascicolo di domanda.

DOTAZIONE FINANZIARIA

OBIETTIVI DI MISURA

  • La misura 10 ha come obiettivi principali la conservazione e l’adozione di pratiche agricole che contribuiscono favorevolmente all’ambiente ed al clima con riferimento specifico ai fabbisogni della Regione Calabria. La misura deve servire ad incoraggiare gli agricoltori all’introduzione e allo sviluppo di pratiche agricole che concorrono a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e/o che favoriscono la resilienza e l’adattamento degli ecosistemi ad essi, rendendo così un servizio all’intera società. La misura si prefigge la tutela ed il miglioramento dell’ambiente, del paesaggio e delle sue caratteristiche, delle risorse naturali e della biodiversità animale e vegetale. Sono, inoltre, previsti anche interventi finalizzati al recupero ed alla conservazione di razze in via di estinzione e di specie vegetali a rischio di erosione genetica.
  • L’obiettivo della misura 11 è quello di incoraggiare sempre più gli agricoltori ad introdurre e mantenere tecniche di coltivazione e di allevamento compatibili con l’ambiente ed in grado di agire a favore della mitigazione dei cambiamenti climatici ed allo sviluppo dell’adattamento e della resilienza agli stessi. L’intervento mira a sviluppare sul territorio regionale e nell’ambito delle singole aziende, la conversione all’agricoltura biologica. Con l’adozione e la diffusione delle tecniche dell’agricoltura biologica, la Regione Calabria persegue le seguenti finalità:
    • assicurare un sistema di gestione delle tecniche agricole rispettosa degli ecosistemi e dei cicli naturali e mantenere o migliorare le condizioni del suolo, dell’acqua, delle piante e degli animali;
    • salvaguardare la biodiversità animale e vegetale;
    • sostenere un uso responsabile delle risorse naturali (acqua, suolo, sostanza organica e aria);
    • tendere alla produzione di una grande varietà di alimenti che rispondano alla domanda dei consumatori moderni.
  • La misura 13 ha l’obbiettivo di garantire il presidio e la salvaguardia del territorio agricolo al fine di assicurare la conservazione dell’ambiente naturale e la prevenzione di fenomeni di abbandono delle zone interne, anche per evitare fenomeni di dissesto idrogeologico e mitigare il rischio di incendi. La misura prevede la corresponsione di una indennità a compensazione dei maggiori costi e dei minori ricavi causati dagli svantaggi naturali e/o da eventuali vincoli In particolare agisce rispetto all’esigenza di mantenere nelle aree agricole soggette a svantaggi naturali, il presidio offerto attraverso i servizi ecosistemici delle attività agricole, per favorire il mantenimento della biodiversità e, contemporaneamente, la migliore qualità, adattabilità e resilienza dei suoli agricoli ma la misura è in grado di intervenire positivamente nel mitigare il gap di produttività dei suoli e dell’attività agricola, che è oggettivamente registrato nelle aree soggette a svantaggi naturali, rendendo più conveniente dal punto di vista economico, la permanenza dell’attività agricola nelle in tali aree.
  • La misura 14 è finalizzata alla realizzazione di sistemi di allevamento che applichino standard di benessere animale più elevati rispetto all’ordinarietà praticata in Calabria e che rispettino, comunque, le norme della condizionalità inerenti il benessere animali. La Misura ha un duplice obiettivo: da un lato “alzare l’asticella qualitativa” delle pratiche zootecniche, prevedendo nuovi impegni di benessere animale maggiormente ambiziosi per chi ha già avviato tale processo performante; dall’altro raggiungere altri allevatori che introducono per la prima volta nuovi e migliori standard qualitativi di benessere animale. In ogni caso, la Misura non ricompensa livelli di benessere degli animali già raggiunti. Le azioni della misura sono volte a ridurre in maniera significativa lo stress degli animali in relazione al contesto climatico, ambientale e territoriale nel quale insiste l’azienda zootecnica, attraverso un miglioramento delle condizioni di:
    • acqua, mangimi e cura degli animali conformemente alle naturali necessità della zootecnia;
    • stabulazione, maggiore spazio disponibile, pavimentazioni, materiali di arricchimento, luce naturale;
    • accesso all’esterno.

SCADENZA

La domanda deve essere presentata a partire dal giorno successivo alla pubblicazione dell’avviso sul sito web tematico: www.calabriapsr.it ed entro il termine del 16/05/2016. Le domande possono essere presentate con un ritardo di 25 giorni di calendario successivi rispetto al termine previsto del 15/05/2016 (art. 78 lettera b Reg. UE 1306/2013 e art. 13 Reg. UE 809/2014 art. 13 paragrafo 1 del Reg. (UE) n. 640/2014) In tal caso, l’importo al quale il beneficiario avrebbe avuto diritto se avesse inoltrato la domanda in tempo utile viene decurtato dell’1% per ogni giorno lavorativo di ritardo. Ai fini della tempestiva presentazione, farà fede la data di rilascio informatico della domanda sul sistema Sian.

elaboraonline

5 giorni fa PSR 2014-2020 – Bando di Apertura termini misure: 10-11-13-14 … ed al clima con riferimento specifico ai fabbisogni della Regione Calabria.
www.studiorussogiuseppe.it/psr-2014-2020-bando-di-apertura-termini- misure-10-11-13-14/
PSR 2014-2020 – Bando di Apertura termini misure: 10-11-13-14. 3 maggio … La Commissione Europea ha approvato il Psr Calabria 2014-2020. 1 dicembre …
www.studiorussogiuseppe.it/category/agricoltura/

Rispondi