Home Finanza POR CALABRIA FESR-FSE 2014-2020 – ASSE III – COMPETITIVITÀ DEI SISTEMI ...

POR CALABRIA FESR-FSE 2014-2020 – ASSE III – COMPETITIVITÀ DEI SISTEMI PRODUTTIVI

136
0

Obiettivo del bando è l’“Incremento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi” e “incentivi all’acquisto di servizi per l’internazionalizzazione delle PMI”.

FINALITA’

Il presente Avviso è rivolto all’implementazione dell’Azione 3.4.2 “Incentivi all’acquisto di servizi per l’internazionalizzazione delle PMI” dell’Asse III – Competitività dei sistemi produttivi del POR Calabria FESR-FSE 2014/2020. Scopo dell’intervento è di incrementare e qualificare la quota di esportazione dei prodotti e dei servizi delle imprese regionali sui mercati esteri, favorendo l’apertura del sistema produttivo calabrese.

L’Avviso sostiene le PMI calabresi, singole o associate, per la partecipazione a fiere, la creazione di sale espositive all’estero, la realizzazione di azioni promozionali, incontri bilaterali, campagne di comunicazione sul mercato target.

DOTAZIONE FINANZIARIA

Risorse: 3.500.000, a valere sull’Azione 3.4.2 “Incentivi all’acquisto di servizi per l’internazionalizzazione delle PMI” del POR Calabria FESR FSE 2014-2020 – Asse III “Competitività dei sistemi produttivi”.

La disponibilità complessiva di risorse finanziarie potrà essere incrementata qualora si rendano disponibili ulteriori risorse a seguito di provvedimenti di disimpegno o riprogrammazione.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono presentare domanda di agevolazione a valere sul presente Avviso, le piccole e medie imprese (PMI), per come classificate nell’Allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014, con unità operativa in Calabria. Possono, altresì, accedere alle agevolazioni di cui al presente avviso le reti di piccole e medie imprese (PMI), per come classificate nell’Allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014, che intendano realizzare un progetto di rete.

CARATTERISTICHE

Le reti di PMI devono essere costituite sotto la forma del “contratto di rete”, ovvero reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), definite ai sensi dei commi 4-ter e 4- quater dell’art. 3 del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33 e s.m.i. Le reti devono essere composte da almeno 3 PMI, avere un fondo patrimoniale non inferiore a 20.000 euro e la quota di ciascuna impresa non può superare il 35% delle quote o del capitale sociale. Inoltre, da espressa disposizione del contratto di rete, dovrà risultare che non possono essere distribuiti utili o avanzi di esercizio di ogni genere e sotto qualsiasi forma. Le reti possono essere ammesse a partecipare all’Avviso anche se non ancora formalmente costituite al momento di presentazione della Domanda, purché i proponenti si impegnino a formalizzare la costituzione entro la data di sottoscrizione dell’Atto di Adesione e Obbligo.

SOGGETTI ESCLUSI

ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013, sono esclusi dall’ambito di applicazione del presente Avviso gli aiuti:

  1. concessi a imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura di cui al regolamento (CE) n. 104/2000 del Consiglio;
  2. concessi a imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli;
  3. concessi a imprese operanti nel settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;
  4. per attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri, ossia aiuti direttamente collegati ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse con l’attività d’esportazione;
  5. subordinati all’impiego di prodotti nazionali rispetto a quelli d’importazione.

INTERVENTI E SPESE AMMISSIBILI

L’Avviso sostiene la realizzazione progetti per l’export, riferiti a non più di due paesi target, che prevedano le seguenti attività:

  1. partecipazione a fiere e saloni internazionali e realizzazione di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;
  2. realizzazione di show-room temporanei;
  3. promozione di incontri bilaterali fra operatori italiani ed esteri;
  4. attivazione di azioni di comunicazione sul mercato estero;
  5. costituzione di partnership con imprese

Spese ammissibili per la realizzazione delle suddette attività devono riguardare l’acquisizione di:

  1. quota di partecipazione, affitto e allestimento di stand consortile presso fiere e saloni internazionali in Italia e all’estero;
  2. affitto e allestimento di show-room temporanei;
  3. interpretariato, traduzione, servizio hostess, noleggio di attrezzature e strumentazioni;
  4. oneri di trasporto, assicurativi e similari connessi al trasporto di campionari specifici utilizzati esclusivamente in occasione di eventi promozionali;
  5. brochure, cataloghi, materiale informativo, spot televisivi/radiofonici, pubblicità su siti web o su riviste internazionali inerenti il consorzio: in lingua inglese e/o nella lingua veicolare del paese obiettivo del progetto di internazionalizzazione;
  6. spese di viaggio e pernottamento in occasione degli eventi promozionali previsti nel progetto;
  7. spese di viaggio e pernottamento di operatori esteri in Italia;
  8. spese di ricerca e selezione operatori esteri per la realizzazione delle iniziative previste nel progetto;
  9. spese per azioni dimostrative delle produzioni, realizzate in occasione delle iniziative previste nel progetto;
  10. sito web in inglese e/o nella lingua veicolare del paese obiettivo del progetto di internazionalizzazione; tale spesa è ammissibile solo per i consorzi di nuova costituzione ed esclusivamente per finalità promozionali;
  11. affitto sale per attività di formazione, incoming, incontri bilaterali, workshop e/o seminari;
  12. promozione sui mercati di riferimento (pubblicità a mezzo stampa, web e social network);
  13. creazione o implementazione di siti web in inglese, e/o nella lingua del paese obiettivo del progetto di internazionalizzazione;
  14. consulenza per analisi di mercato finalizzata alla realizzazione del progetto paese e alla messa in rete delle imprese aderenti; sviluppo design per la creazione e realizzazione di nuovi prodotti, rispondenti alle caratteristiche e alle normative del mercato estero individuato; in materia contrattuale, doganale, legale e fiscale riferita ai paesi oggetto del processo di internazionalizzazione; per la ricerca e selezione partner e/o distributori all’estero, con esclusione dei costi di alloggio e biglietti aereo;
  15. consulenza specifica di un Temporary Export Manager per la gestione e il coordinamento del progetto di internazionalizzazione.

CONTRIBUTO CONCEDIBILE

Le agevolazioni per la realizzazione delle attività saranno concesse in conformità a quanto previsto dal Regolamento (UE) n. 1407/2013 («de minimis») della Commissione del 18 dicembre 2013. Le agevolazioni «de minimis» sono concesse nella forma di un contributo in conto capitale nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di:

  • 200.000 euro per progetti proposti da consorzi o reti di imprese;
  • 50.000 euro per progetti proposti da singole PMI.

L’ammontare delle agevolazioni calcolato in via provvisoria viene rideterminato a conclusione del programma di investimenti, sulla base delle spese ammissibili effettivamente sostenute e della verifica relativa al rispetto delle intensità massime di aiuto previste dalla disciplina comunitaria. L’ammontare delle agevolazioni così definitivamente determinato non può in alcun modo essere superiore a quello individuato in via provvisoria.

La nostra azienda offre:

  • Analisi di base;
  • Analisi di strategie e di quelle pianificate;
  • Preparazione delle pratiche di domanda di finanziamento;
  • Redazione e stesura completa dei progetti, dei piani operativi e finanziamenti, delle relazioni.

elabora finanza agevolata elaboraonline

Rispondi