Home Fiscale e Tributario Auto concesse in uso promiscuo deducibili al 70%

Auto concesse in uso promiscuo deducibili al 70%

594
0

La disciplina fiscale della deduzione dal reddito d’impresa (e di lavoro autonomo) dei costi relativi ai veicoli aziendali è contenuta nell’articolo 164 del Tuir ed è strutturata come segue.

Veicoli esclusivamente strumentali

I veicoli esclusivamente strumentali sono quelli utilizzati per lo svolgimento dell’attività d’impresa (fattispecie limitata a quelle ipotesi in cui l’attività d’impresa non possa essere svolta senza tali beni, come accade per le autoscuole e per le società di noleggio ad esempio), nonché quelli adibiti ad uso pubblico (taxi ad esempio).

Veicoli ad uso aziendale

veicoli aziendali sono quelli acquistati dall’azienda e dati in uso ai dipendenti solo per finalità aziendali.

Questi veicoli a livello fiscale incontrano una doppia limitazione.

Sono deducibili nella misura del 20% del costo, aumentata all’80% per gli agenti e rappresentanti di commercio, ed il costo fiscalmente riconosciuto non può superare euro 18.075,99 ed euro 25.822,84 per gli agenti e rappresentanti di commercio.

Veicoli concessi in uso promiscuo

Qualora il veicolo viene concesso in uso promiscuo al dipendente per la maggior parte del periodo d’imposta (ovvero una durata non inferiore a 184 giorni), come specificato dall’A.d.E. nella Circolare 48/E/1998, la società deduce, senza alcun limite massimo, i costi sostenuti nella misura del 70%.

Per il dipendente l’uso promiscuo comporta un maggior reddito chiamato fringe benefit

Cos’è il fringe benefit?

Il fringe benefit è una componente di reddito in beni o servizi o qualsiasi altra cosa suscettibile di avere una valutazione economica.

Nel caso dell’auto data in uso promiscuo, il suo valore è determinato forfetariamente ai sensi dell’art. 51 c. 4 lett. a) del TUIR e prevede l’imponibilità nella misura del 30% dell’importo corrispondente alla percorrenza convenzionale di 15.000 km, sulla base del costo chilometrico desumibile dalle tabelle ACI, al netto dell’importo eventualmente trattenuto al dipendente a titolo di corrispettivo per l’utilizzo stesso.

Per la determinazione del fringe benefit tassabile, va osservato che il costo chilometrico è comprensivo di Iva, per cui anche il corrispettivo addebitato al dipendente deve essere considerato al lordo di Iva.

Il fringe benefit deve essere rapportato ai giorni in cui il veicolo è assegnato in uso promiscuo al dipendente, a prescindere dai giorni di effettivo utilizzo.

I riaddebiti

In caso di assegnazione dell’auto in uso promiscuo al dipendente, l’impresa può alternativamente:

  • trattenere gli importi dalla retribuzione del lavoratore;
  • addebitate gli stessi con fattura assoggettata ad Iva con aliquota ordinaria.

In questo caso il fringe benefit tassato nella busta paga del lavoratore, verrà ridotto degli importi addebitati.

Se il riaddebito è pari al fringe benefit non si formerà alcun reddito in capo al dipendente.

Esempio

La Bianchi S.p.a. ha acquistato in data 1 gennaio 2017, un’autovettura da concedere in uso promiscuo ad un dipendente, per la maggior parte del periodo d’imposta, al costo di euro 40.000,00.

Tale importo è riconosciuto integralmente ai fini fiscali – anche se supera la soglia di euro 18.075,99.

Ammortamento

Ai fini del calcolo della quota di ammortamento deducibile, si deve procedere come da esempio:

  • 2017: 40.000,00*70,00%*25,00%*/2 (riduzione 50% primo anno) = euro 3.500,00
  • 2018-2019-2020: 40.000,00*70,00%*25,00% = euro 7.000,00
  • 2021: 40.000,00*70,00%*12,50% = euro 3.500,00

No alla detrazione integrale dell’Iva se non viene addebitato un corrispettivo al dipendente 

L’Agenzia delle Entrate, nella risposta ad interpello n.631/2020, ha precisato che è possibile detrarre integralmente l’Iva nel caso di veicoli assegnati in uso promiscuo al personale dipendente in presenza di addebito a carico del lavoratore del corrispettivo relativo all’uso privato del veicolo.

Come viene tassata l’auto  in uso promiscuo all’amministratore?

Leggi l’articolo

Vuoi approfondire l’argomento?

Leggi la seguente monografia

 

 

 

Auto e fisco. Guida alla deducibilità dei costi auto di [Matilde Fiammelli]

Rispondi