Home Lavoro e Previdenza Contributi Inps I contributi INPS 2017 per artigiani e commercianti

I contributi INPS 2017 per artigiani e commercianti

583
0

L’imprenditore commerciale, ovvero colui che è titolare di un’impresa che opera nel settore del commercio, terziario e turismo […] e l’imprenditore artigiano, ovvero colui che svolge un’attività di produzione di beni, anche semilavorati, o di prestazione di servizi […] (Legge n.463/1959, Legge n.443/1985, Legge n.133/1997, Legge n.57/2001), sono tenuti al versamento annuale dei contributi IVS.

Reddito minimo

L’Inps prevede che l’imprenditore (commerciale e/o artigiano), a prescindere dal reddito prodotto, versi un importo calcolato su un importo stabilito annualmente.

Reddito minimo 2017

Il reddito minimo da prendere in considerazione per l’anno 2017 ai fini del calcolo del contributo IVS rispetto all’anno 2016 rimane invariato, ovvero 15.548 euro.

Lo ha reso noto l’INPS con la circolare n. 22 di ieri.
La motivazione è da individuarsi nella variazione percentuale nell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati, che tra il 2015 e il 2016 è stata pari al –0,1%.

Le aliquote Inps 2017

Le aliquote per il 2017 sono fissate al 23,55% per gli artigiani e al 23,64% per i commercianti.

Per i coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni, le aliquote sono pari al 20,55% per gli artigiani e al 20,64% per i commercianti.


Annuncio pubblicitario




Contributo sul minimale

Il contributo calcolato e dovuto sul reddito minimale per il 2017 ammonta:

  • per la generalità dei contribuenti, a 3.668,99 euro (3.661,55 IVS + 7,44 maternità) per gli artigiani e a 3.682,99 euro (3.682,99 IVS + 7,44 maternità) per i commercianti;
  • per i coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni, a 3.202,55 euro (3.195,11 IVS + 7,44 maternità) per gli artigiani e a 3.216,55 euro (3.209,11 IVS + 7,44 maternità) per i commercianti.

Reddito eccedente il minimale

In relazione alla contribuzione IVS 2017 sul reddito eccedente il minimale la circolare Inps ha precisato che:

  • è dovuta sulla totalità dei redditi d’impresa prodotti nel 2017 per la quota eccedente il minimale in base alle citate aliquote e fino al limite della prima fascia di retribuzione annua pensionabile pari, per quest’anno, a 123,00 euro;
  • per i redditi superiori a 46.123,00 euro annui resta confermato l’aumento dell’aliquota di un punto percentuale.

Le aliquote contributive 2017

Scaglione di reddito Artigiani Commercianti
Titolari di qualunque età e coadiuvanti/ coadiutori di età superiore ai 21 anni Fino a 46.123,00 23,55% 23,64%
Da 46.123,00 24,55% 24,64%
Coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni Fino a 46.123,00 20,55% 20,64%
Da 46.123,00 21,55% 21,64%

Massimale contributivo 2017

Il massimale di reddito annuo 2017, per i soggetti iscritti in data anteriore all’1.1.1996, entro il quale sono dovuti i contributi IVS è pari a 76.872,00 euro.

Per i lavoratori privi di anzianità contributiva al 31/12/1995, il massimale annuo è pari, per il 2017, ad 100.324,00 euro.

I termini di versamento

I termini di versamento sono rimasti invariati, per cui le scadenze dei versamenti delle quattro rate dei contributi dovuti sul minimale di reddito sono fissate al 16 maggio, 21 agosto, 16 novembre 2017 e 16 febbraio 2018.

I contributi dovuti sulla quota eccedente il minimale, a titolo di primo acconto 2017 e secondo acconto 2017 nonché di saldo 2016, devono essere versati entro i termini previsti per il pagamento dell’Irpef.

Rispondi