Home Lavoro e Previdenza Va iscritto alla gestione commercianti il familiare coadiuvante di un socio o...

Va iscritto alla gestione commercianti il familiare coadiuvante di un socio o amministratore di società a responsabilità limitata

424
0

Il familiare coadiuvante di un socio/amministratore di una società a responsabilità limitata, che svolge attività abituale e prevalente, va iscritto alla gestione commercianti.

Questo è il principio dettato dalla Cassazione con la sentenza 31286/2019 depositata il 29 novembre 2019 che di fatto amplia la platea dei soggetti con l’obbligo di tutela pensionistica.

La Cassazione arriva a tale conclusione facendo questa considerazione, ovvero che se l’obbligo di iscrizione alla gestione commercianti, inizialmente limitato ai soci di società di persone è stato esteso a soci e amministratori di Srl, nulla toglie che il coadiutore familiare di un socio titolare di Srl possa essere iscritto alla gestione se quest’ultimo svolge attività personale continuativa e prevalente.

Una situazione che secondo i giudici si risolve applicando analogicamente l’articolo 1 della legge 1397/1960 (assicurazione obbligatoria per gli esercenti attività commerciali) e «affermando che il socio di una società a responsabilità limitata, anche se non attivo dal punto di vista della gestione personale dell’attività d’impresa commerciale, è tenuto a versare i contributi dovuti presso la gestione previdenziale commercianti…per il familiare…che partecipi personalmente al lavoro aziendale con carattere di abitualità e prevalenza e sia, nel contempo, in possesso delle licenze ed autorizzazioni richieste dalla legge o dai regolamenti per l’espletamento della stessa attività lavorativa».

L’interpretazione analogica della legge è ritenuta «possibile e doverosa» anche in applicazione dei principi costituzionali di eguaglianza e adeguata tutela previdenziale nei confronti dei coadiutori familiari per quanto riguarda le attività di gestione a loro demandate. E la registrazione “virtuale” presso l’Inps del titolare dell’impresa «si risolve in un meccanismo operativo che non determina alcuna anomalia».

Fonte: ilsole24ore e Cassazione

Rispondi