Home Lavoro e Previdenza Agevolazioni Contributive Indennità covid 19 – nella procedura on line non è richiesto nessun...

Indennità covid 19 – nella procedura on line non è richiesto nessun modello da far certificare alle banche

1326
3
ndennità-covid-19---nella-procedura-on-line-non-è-richiesto-nessun-modello-da-far-certificare-alle-banche-studiorussogiuseppe

Con la circolare n. 48 del 29/03/2020 l’Inps ha comunicato, al fine di evitare la diffusione del contagio del virus COVID-19 e dunque gli spostamenti e i contatti della popolazione ed i connessi rischi per la salute pubblica, la soppressione dei modelli “AP03”, “AP04”, “SR163” e “SR185”.

ATTENZIONE

INDENNITA’ COVID-19
Per la domanda dell’indennità (Covid-19) on line non è necessario il modello SR163

Data Base Condiviso

In considerazione dell’esigenza di contenere, per finalità di salute pubblica, le esigenze di spostamento dei cittadini nel Paese, l’utilizzo del Data Base Condiviso viene esteso agli accertamenti IBAN riferiti alla liquidazione delle prestazioni non pensionistiche erogate dall’INPS.

L’Istituto, prima dell’accredito delle somme effettuerà le verifiche preordinate ad accertare la coincidenza fra i dati identificativi del titolare della prestazione e quelli dell’intestatario/cointestatario dello strumento di riscossione attraverso l’utilizzo del sistema denominato “Data Base Condiviso”, in modo da consentire la piena operatività del servizio di titolarità dell’IBAN e del servizio di allineamento dell’IBAN.

Prestazioni pensionistiche e non pensionistiche

A partire dal 10 aprile 2020, per le prestazioni pensionistiche e non pensionistiche erogate dall’Istituto mediante l’accredito su conto corrente bancario o postale, su libretto di deposito a risparmio bancario nominativo dotato di codice IBAN, su libretto di risparmio postale nominativo dotato di codice IBAN o su carta prepagata ricaricabile dotata di codice IBAN, non è più prevista la compilazione e trasmissione dei modelli “AP03” (riscossione pensione a mezzo istituti di credito), “AP04” (riscossione pensione attraverso Poste Italiane), nonché “SR163” e “SR185” (riscossione prestazioni non pensionistiche), né Poste Italiane e gli Istituti di credito sono più tenuti alla loro validazione.

Fonte: Inps

 

3 Commenti

  1. io sono De Marco Rinaldo
    CHIEDO

    Mio figlio De Marco Dario nato a Campobasso il 15/07/1981

    non ha reddito è iscritto all’albo promotore finanziario non percepisce disoccupazione

Rispondi