Home Finanza Regione Calabria Sostegno agli investimenti in impianti e macchinari

Sostegno agli investimenti in impianti e macchinari

63
0

Finalità e soggetti beneficiari

Il presente avviso pubblicato dalla regione Calabria ha la finalità di sostenere gli investimenti delle PMI della Calabria nell’acquisto di impianti e macchinari, volti allo sviluppo e alla transizione ecologica e digitale.

Possono presentare domanda le micro, le piccole e le medie imprese, che al momento della presentazione rispettano i seguenti requisiti:

  • Non aver commesso gravi violazioni in merito al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori
  • Non sussistenza di ragioni di decadenza, di sospensione o di divieto
  • Possedere capacità economico- finanziaria sulla base dell’intervento che dovrà essere realizzato
  • Avere sede operativa all’interno della Regione Calabria
  • Essere regolarmente iscritti presso gli enti previsti dalla legge, secondo la propria forma giuridica
  • Rientrare nei parametri dimensionali
  • Non aver effettuato una delocalizzazione verso lo stabilimento in cui deve svolgersi l’operazione per la quale è richiesto l’aiuto, nei due anni precedenti la domanda di aiuto e impegnarsi a non farlo nei due anni successivi al completamento dell’operazione per la quale è richiesto l’aiuto.

Interventi e spese ammissibili

Gli investimenti ammissibili prevedono il miglioramento della capacità competitiva e la transizione digitale ed ecologica, nonché di nuovi modelli organizzativi. Le spese ammissibili sono le seguenti:

  • Macchinari, impianti ed attrezzature varie, nuovi di fabbrica, e mezzi mobili necessari per il ciclo produttivo
  • Opere murarie ed impiantistiche, strettamente necessarie per l’installazione e il collegamento dei macchinari acquisiti e dei nuovi impianti produttivi. Non possono comunque superare il 15% dell’investimento ammissibile
  • Programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate
  • Servizi di consulenza, relativi a spese di consulenza per studi e progettazione e spese per il conseguimento delle certificazioni. Le spese per servizi di consulenza sono ammesse nel limite del 10% dell’investimento ammissibile, quelle per studi e progettazione nel limite del 3%.

Dotazione finanziaria e forma d’aiuto

La dotazione finanziaria prevista è pari a € 25.000.000,00. Il costo totale ammissibile del progetto presentato non deve essere inferiore a 30.000,00€ e non superiore a 500.000,00€.

L’incentivo è previsto nella forma di agevolazione in conto capitale. Per le spese in: macchinari e impianti, opere murarie e impiantistiche, programmi informatici ecc., l’intensità d’aiuto è pari al 60% per le PI e al 50% per le MI; per le spese in: servizi di consulenza è pari al 50% sia per PI che per MI. Il beneficiario deve apportare un contributo pari almeno al 25% dei costi ammissibili, o attraverso risorse proprie o mediante finanziamento esterno.

Modalità e termini di concessione dell’aiuto

Le domande, inviate tassativamente tramite la piattaforma informatica, saranno valutate sulla base di una procedura valutativa a sportello. I termini per la presentazione della domanda saranno comunicati con successivo avviso.

Per maggiori informazioni scrivere all’indirizzo email finanzaagevolata@studiorussogiuseppe.it.

Rispondi