Home Finanza SOSTEGNO ALLE PMI E ALLE LORO AGGREGAZIONI PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

SOSTEGNO ALLE PMI E ALLE LORO AGGREGAZIONI PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

15
0

La Regione Calabria Dipartimento Sviluppo Economico e Attrattori Culturali intende accompagnare il sistema produttivo regionale nei processi di apertura e/o incremento dell’export, di diversificazione dei mercati di sbocco e di utilizzo dei canali digitali.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono presentare la domanda le micro, piccole e medie imprese, singolarmente o in associazione temporanee di scopo o reti di imprese o consorzi.

Al momento della presentazione della domanda, è necessario possedere i seguenti requisiti:

  • non aver commesso violazioni gravi relativamente al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori o essere in possesso della certificazione che attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti della Regione Calabria di importo pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte del medesimo soggetto (DURC);
  • non sussistenza, ove previsto, di ragioni di decadenza, di sospensione o di divieto o di un tentativo di infiltrazione mafiosa, con riferimento rispettivamente alle comunicazioni antimafia e alle informazioni antimafia;
  • possedere la capacità economico-finanziaria in relazione all’intervento;
  • avere sede operativa o unità produttiva locale destinataria dell’intervento nel territorio della Regione Calabria.
LINEE DI INTERVENTO E SPESE AMMISSIBILI

Gli interventi per i quali l’aiuto è richiesto devono essere riconducibili ad una o più delle seguenti linee di intervento:

Linea A: Definizione di un progetto per l’internazionalizzazione, che dovrà contenere, a titolo esemplificativo e non esaustivo: motivazioni, obiettivi e strategie commerciali internazionali, modello di business e proposta di valore, mercati esteri target, piano operativo che riporti anche gli strumenti e le risorse umane e finanziarie previsti per l’implementazione del piano per l’export, con definizione di milestone, cronoprogrammi, meccanismi di verifica e di revisione del piano. Le attività consulenziali, finalizzate alla preparazione di un piano di sviluppo sui mercati obiettivo del progetto, potranno essere comprensive di un piano export digitale.

Linea B: Servizi specialistici per l’export. I servizi finalizzati all’accrescimento delle potenzialità di export del beneficiario, saranno diretti a:

  • conseguimento di certificazioni di prodotto/processo che consentono l’accesso ai mercati esteri;
  • certificazioni aziendali per l’ottenimento dello status di operatore economico autorizzati o di altre figure e qualificazioni richieste per il commercio internazionale e dagli accordi di libero scambio con paesi terzi;
  • consulenza per ottenimento di marchi, brevetti o altre forme di protezione della proprietà intellettuale internazionali, nonché assistenza legale in materia doganale, contrattuale, fiscale, per l’export nei singoli paesi;
  • utilizzo di TEM (temporary export manager) e/o DEM (digitale export manager), ad integrazione delle funzioni aziendali, funzionale allo sviluppo delle competenze interne del beneficiario per l’export;
  • consulenze per ricerca operatori esteri e assistenza per organizzazione incontri commerciali;
  • consulenza per business on line diretta all’utilizzo di piattaforme/marketplace, sistemi di smart payment internazionali, ecc.;
  • consulenze per la realizzazione di video e materiali di comunicazione digitali redatti in lingua diversa dall’italiano;
  • consulenze per la realizzazione di campagne di comunicazione e marketing digitale finalizzati all’export, comprese vetrine digitali in lingua estera;
  • consulenze per la promozione dei siti web attraverso azioni di search engine marketing (seo e paid adv) e metodologie similari;
  • spese per la registrazione di APP e/o applicativi a livello internazionale connesse alle iniziative promozionali virtuali ammesse; xi. spese per la realizzazione di siti e-commerce.

Linea C: partecipazioni a manifestazioni fieristiche e/o saloni internazionali e/o rilevanti eventi commerciali o divulgativi di livello internazionale: le iniziative, se svolte in Italia, dovranno essere presenti sul catalogo fiere internazionali certificato AEFI o devono risultare certificate di valenza internazionale nel calendario fieristico nazionale oppure svolte direttamente all’estero e/o inserite in circuiti/cataloghi internazionali.

Le spese ammissibili sono le seguenti:

Linee di intervento A e B: Servizi di consulenza specialistica per piani per l’export, studi di fattibilità e servizi di supporto all’internazionalizzazione.

Linea di intervento C: Costi di partecipazione alle fiere/mostre.

DOTAZIONE FINANZIARIA E FORMA D’AIUTO

La dotazione finanziaria è pari a €5.500.000,00.

Gli aiuti di cui al presente Avviso sono concessi nella forma di contributo in conto capitale, in relazione alle spese di cui alle Linee di intervento A) e B) nella misura del 50% della spesa ritenuta ammissibile, in relazione alla Linea C) nella misura del 100% della spesa ritenuta ammissibile. L’importo massimo dell’aiuto concedibile per progetto non eccede l’importo di € 100.000.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande devono essere inviate tramite la piattaforma informatica di Fincalabra (https://bandifincalabra.it/). Lo sportello per l’inserimento delle domande aprirà il giorno 15 marzo 2024 alle ore 10:00 e chiuderà il giorno 15 marzo 2026 alle ore 16:00. Le domande sono valutate in ordine cronologico di presentazione domanda.

Per maggiori informazioni scrivere all’indirizzo email finanzaagevolata@studiorussogiuseppe.it.

Rispondi