Home Fiscale e Tributario Credito d'imposta Bonus sud al via le richieste telematiche del credito d'imposta dal 30...

Bonus sud al via le richieste telematiche del credito d'imposta dal 30 giugno

386
1

La misura prevista dalla legge di Stabilità 2016, ovvero il credito d’imposta per i nuovi investimenti al Sud,  diventa finalmente operativa con il Provvedimento delle Entrate del 24 marzo 2016.

Le imprese interessate a sfruttare l’agevolazione dovranno presentare una comunicazione, esclusivamente in via telematica, tramite i servizi online Fisconline o Entratel a partire dal prossimo 30 giugno (e fino al 31 dicembre 2019).

La trasmissione telematica – come ricorda una nota congiunta diramata da Mef ed Entrate – può essere effettuata direttamente o attraverso gli intermediari incaricati quali professionisti, associazioni di categoria, Caf e altri soggetti.

Per procedere all’inoltro l’Agenzia metterà a disposizione un software che si chiamerà «Creditoinvestimentisud».

Il meccanismo
L’agevolazione consiste in un credito d’imposta destinato alle imprese per gli acquisti di beni strumentali nuovi realizzati dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2019 e destinati a strutture produttive situate nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo. L’agevolazione è di fatto automatica e questo rappresenta un punto a favore per i potenziali beneficiari. A disposizione ci sono 617 milioni di euro all’anno.

Per molti ma non per tutti
Il credito d’imposta è riservato a chi produce redditi d’impresa per gli investimenti legati all’acquisto anche in leasing di macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nel territorio. Tuttavia la platea dei beneficiari prevede delle esclusioni. Non sono ammesse al bonus le imprese che operano nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dei trasporti e delle relative infrastrutture, della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche, nonché nei settori creditizio, finanziario e assicurativo. Strada sbarrata anche alle imprese che si trovano in difficoltà.

Il modello per la richiesta
Il modello per la richiesta del credito d’imposta è composto dall’informativa sul trattamento dei dati personali, dai riquadri contenenti i dati dell’impresa beneficiaria, del rappresentante firmatario della richiesta, del referente da contattare, i dati relativi alla rinuncia al credito o alla rettifica di una precedente comunicazione, dalla dichiarazione sostitutiva di atto notorio, dagli impegni assunti con la sottoscrizione, dal quadro A (con i dati relativi al progetto d’investimento e al credito d’imposta), dal quadro B, (con i dati della struttura produttiva), e dal quadro C (con l’elenco dei soggetti sottoposti alla verifica antimafia).

L’utilizzo in compensazione
Il credito d’imposta maturato potrà essere utilizzato soltanto in compensazione, ossia per ridurre i versamenti di altri tributi. Un iter che dovrà avvenire – come specifica il provvedimento delle Entrate – attraverso i canali telematici delle Entrate (Entratel o Fisconline), «pena il rifiuto dell’operazione di versamento, a partire dal quinto giorno successivo alla data di rilascio della ricevuta attestante la fruibilità del credito d’imposta. A loro volta, i soggetti incaricati della trasmissione telematica hanno l’obbligo di rilasciare al richiedente un esemplare cartaceo della comunicazione predisposta con l’utilizzo del software, ma anche la copia della ricevuta delle Entrate che ne attesta l’avvenuta ricezione e che costituisce prova dell’avvenuta presentazione. Poi la comunicazione sottoscritta dal soggetto incaricato della trasmissione telematica e dal richiedente deve essere conservata da quest’ultimo.

Spetterà al centro operativo di Cagliari la competenza per gli adempimenti conseguenti alla gestione della comunicazione. E l’Agenzia trasmetterà al ministero dello Sviluppo economico tutte le comunicazioni pervenute, per le quali ha rilasciato ricevuta con esito positivo.


credito-d'imposta-investimenti-al-sud-elaboraonline

COMUNICAZIONE PER LA FRUIZIONE DEL CREDITO D’IMPOSTA PER GLI INVESTIMENTI NEL MEZZOGIORNO

Devi presentare l’istanza per accedere ai benefici credito d’imposta per gli investimenti al sud?

Compila la dichiarazione investimenti mezzogiorno seguendo le seguenti istruzioni bonus Sud ed inviaci la documentazione tramite casella mail, provvederemo all’invio ed a recapitarti la ricevuta di trasmissione.

1 commento

  1. […] Bonus sud al via le richieste telematiche del credito d’impostadal 30 … 28 apr 2016 … Bonus sud al via le richieste telematiche del credito d’impostadal 30 giugno La misura prevista dalla legge di Stabilità 2016, ovvero il credito … https://www.studiorussogiuseppe.it/al-via-le-richieste-telematiche-per-il-bonus-sud- dal-30-giugno/ […]

Rispondi